Brani

Questa sezione del sito racchiude lo storico di tutte le recensioni che sono iniziate nell'agosto del 2012.

Larchivio può essere visualizzato a livello temporale, per artista e/o per genere, in maniera da poter gustare tutte quelle che sono state le evoluzioni del progetto stesso.

Seleziona il genere di musica che più ti interessa; ignora questo filtro per visualizzare i brani di tutti i generi disponibili.
Seleziona un artista, tra quelli presenti nel menu.

Baby's Got

Una città del futuro, atmosfere un po' surreali, una ragazza si aggira in quartieri poco illuminati guardandosi attorno in apprensione...

Queste sensazioni un po' "cyberpunk" nascono ascoltando questo singolo dei Fiderglass....
Quando si ascolta un pezzo come questo non si sa mai come catalogarlo, a livello di genere se non in un modo soltanto:
"che tiro!"

Solo nella notte (rap version)

Milano, notte piovosa, un uomo cammina per le strade semideserte sotto la pioggia... pensa alla sua vita mentre le macchine sfrecciano indifferenti...

Ecco l'ennesima chicca di un amico di Talentone il quale, oggettivamente, ci pare davvero prolifico di idee e cose da raccontare!

Stavolta, con "Solo nella notte" scopriamo un Sal Di Martino in versione un po' malinconica, a livello di testo, ma con la solita energia black che traspare nella linea di basso/batteria, nei rif di chitarra e, nel complesso, in un singolo "lento, ma violento!"

Seta

Una mattinata di sole invernale, la spiaggia deserta ed il profumo del mare che innonda le narici...

Queste sensazioni sono legate a Seta, singolo d'esordio per i Ludmilla Tree che si pone a metà tra il folk ed il pop con sonorità decisamente originali, ed una tecnica che si nota in maniera prepotente.

Una chitarra acustica davvero ricercata e la voce non banale, carattterizzano questa traccia, ma salta all'orecchio la fisarmonica che, anche un po' in stile Galliano, propone atmosfere molto intime e quasi oniriche!

Small town

Domenica mattina, giornata di primavera, un piccolo paese con tanto verde in giro e la natura che esplode!

In questa immagine possiamo collocare questa "Small town" di una formazione campana, i "The Burlesque", che uniscono il loro essere scanzonati ad un gusto davvero sopraffino nel proporre il loro sound.

Questa ballad si lascia ascoltare con gran gusto ed intensità e fa volare con la fantasia a tempi e momenti che potrebbero, oggi, ridare un po' di umore ad un periodo storico non certo semplice.

Leggera

Una serata piovosa, la pioggia che ticchetta contro i vetri, le lluci della città che sono sfocate a causa dell'acqua contro i vetri...

Ecco un'immagine che salta all'occhio ascoltando questo pezzo di gran classe e con un'energia mostruosa che trasuda da ogni nota!
Chiara Rosso, circondata da una band di prim'ordine, si esalta trasformando il suo cuore prettamente jazz, in un vortice più funky che, però, non tralascia tecnica e classe.

Marta

Intenso, profondo, irridente...

In questa maniera si presenta Marta, un singolo che instilla malinconia e riflessione, nonostante un arrangiamento apparentemente frivolo, ma che rende un po' malinconici quando si presta attenzione al senso del testo.

Tema di questo rap è la morte, intesa in senso lato, ovvero morte fisica, si parla di ipotetico suicidio, ed interiore, chiaro riferimento ad uno dei mali di questo secolo, la depressione che uccide dentro.

Cent'anni

Il piede non può restare fermo, è automatico alzare il volume!

Succede proprio questo quando si ascolta "Cent'anni", un singolo che, d'achito, pare del più classico "pop", ma ti entra dentro e se ti soffermi un po' arrivano un oceano di emozioni!

Uno stile nel cantare, che farebbe sorridere il buon vecchio Bertoli, una chitarra acustica che accompagna tutto il pezzo e.... quando meno te lo aspetti ecco un solo di semiacustica degna del miglior Benson!

Sceglimi

Un locale, un uomo ed una donna sono ad un tavolo, tra loro un'energia particolare e... qualcosa succederà!

Un'immagine che può sembrare anche scontata, ma scontato non è questo singolo di Andrea Salvatori.
Si chiama sceglimi ed è, palesemente, la piccola grande storia di due persone che si incontrano e che vivono la chimica più veccchia del mondo: "il piacersi".

Un pop ben assemblato, testo non banale ed una bella voce, piena e potente, quella di Andrea il quale ci regala minuti di grande intensità emotiva e di notevolissima qualità artistica e musicale.

“Steal-Show

Luci psichedeliche, strobo vorticante e pista da ballo piena...

Immagine un po' "vintage", ma non potrebbe essere che così quando si ascolta “Steal-Show!
Questo progetto musicale, assolutamente originale nel suo genere, mescola atmosfere rock con quell'elettronica, con sapore di analogico, che porta a ricordare quella musica da ballare che negli anni '80/'90, non era fatta di soli bit digitali, ma aveva una componente "suonata" davvero importante.

Stammi a sentire

Voglia di ballare e di saltare per scaricare energia pura!

Queste sensazioni vengono trasmesse attraverso l'ascolto di questo singolo ei Dada Circus, che racchiude nei suoi tre minuti, poco più, di durata un insieme di situazioni musicali da fare impressione!

C'è di tutto in questa traccia:
ska, rock, latino...

Ascoltato così, d'achito, l'insieme da l'impressione di una canzoncina molto easy listening, ma analizzata, beh...

Pagine

Abbonamento a Brani